Smart Home Google | Big G punta forte sugli schermi e lancia il suo Smart Display

La battaglia delle grandi aziende tecnologiche ha una nuova arena, ed è quella della smart home. Uno dei trend più promettenti è sicuramente la diffusione di schermi, i cosiddetti smart display, anche per gli smart speaker (v. Amazon Echo Show). Google ha così colto la palla al balzo: la Smart Home Google vanta un nuovissimo e attesissimo prodotto. Si tratta del Lenovo Smart Display, appena lanciato negli USA e sviluppato in collaborazione con Lenovo che, ovviamente, si è occupata dell’hardware. Il software, invece, è Android Things.

Il display

Per il nuovo arrivato nella smart home Google, sono disponibili due versioni: una da 8 pollici e una da 10 pollici. Come i suoi parenti Google Home, Mini e Max, Google Smart Display avrà tutte le funzionalità di Google Assistant, ovviamente con tutti i benefici derivanti dall’avere uno schermo. Quindi la possibilità di vedere video, film o semplicemente avviare una videochiamata con amici, familiari o colleghi.

Già annunciato

Il lancio del Lenovo Smart Display era stato già annunciato lo scorso Gennaio al CES e confermato durante l’ultima conferenza a Mountain View, insieme ad un’altra serie di innovazioni sempre più smart e che puntano fortemente sull’intelligenza artificiale.

Smart Speaker e Display: un matrimonio che s’ha da durare?

Aggiungere uno schermo ad uno smart speaker, ovvero ad un dispositivo che è fatto principalmente per essere controllato tramite voce aumentando il comfort e limitando i movimenti, può quasi sembrare superfluo. Tuttavia, uno schermo è anche una risposta a bisogni e richieste che necessitano di un supporto “visivo”, basti pensare per esempio alla preparazione di una ricetta. Allo stesso modo, la presenza di uno schermo potrà “migliorare” la fruizione delle informazioni di ricerca, per esempio aggiungendo le foto dei piatti alla recensione di un ristorante.

I consumatori desiderano un’esperienza più ricca

La smart home è un mercato in continua evoluzione. Con esso, si evolvono anche i gusti dei consumatori, i quali richiedono un’esperienza sempre più ricca, diversa ed interattiva. Google l’ha capito benissimo e ha risposto investendo nell’ambito degli schermi e display. Complice anche il suo sempre più crescente interesse nel mercato della videosorveglianza (basta considerare il successo di Nest).

Rispondere a domande e ricerche è la seconda attività più svolta dagli smart speaker dopo la riproduzione di brani musicali. Questo, combinato con l’esperienza di Google nel campo della ricerca web, fa sì che lo sviluppo di uno smart display fosse un passo quasi naturale.

Un nuovo mercato e nuove opportunità

Avere uno smart display nella smart home Google apre un mercato del tutto nuovo e quasi inesplorato per quanto riguarda il mercato connesso. Infatti, il classico utilizzatore di smart speaker è un early adopter, tra i 25 ed i 40 anni, uomo. Avere uno schermo apre invece una fetta del mercato, strizzando un occhio in particolare a quello delle mamme con figli.

E Amazon?

Negli Stati Uniti, Amazon è già presente sul mercato il suo Echo Show, competitor diretto dello Smart Display Lenovo-Google. Nel mercato degli smart speaker, per ora ancora dominato da Amazon nel mercato anglofono, Google vuole ancora recitare un ruolo da protagonista… Chissà se i smart display arriveranno presto anche da noi.

 

Leggi anche: Mercato degli smart speaker | Amazon domina, ma Google è pronta al sorpasso

 

Hai domande o vuoi restare aggiornato sul mondo della domotica? Entra a far parte della nostra community Facebook Domotica & Smart Home

DICCI COSA NE PENSI

      Lascia un commento

      Compara articoli
      • Total (0)
      Compare
      0