Google Stadia | Cosa c’è da sapere sulla rivoluzione del gaming

Durante il GDC 2019 è stato annunciato il lancio di Google Stadia, la nuova piattaforma cloud per il gaming del colosso di Mountain View. Con questo annuncio, Big G ha deciso di diventare il Netflix dei videogiochi e si promette un vero e proprio cambiamento epocale del mercato del gaming, ancora molto legato al concetto classico di console.

Con Google Stadia si dice addio al concetto di console

Con Stadia, Google inaugura una vera e propria rivoluzione copernicana del gaming. Addio console e hardware: si potrà giocare ovunque, da qualsiasi dispositivo (smartphone, tablet, PC) in 4K HDR a 60 fps. Basterà la sola connessione internet per poter accedere ad una libreria di titoli che, tuttavia, non sono stati ancora annunciati (le prove della piattaforma sono state effettuate principalmente su Doom e Assassin’s Creed Odyssey.

Punto di forza della nuova piattaforma gaming di Big G è sicuramente l’immediatezza nell’accesso ai contenuti. Infatti, non ci sarà più bisogno di scaricare videogiochi ed aggiornamenti, con lunghi tempi di attesa prima della loro fruizione. L’accesso allo streaming è diretto e istantaneo in quanto completamente basato su cloud. Dunque, nessuna limitazione in termini di spazio (si potrà giocare da ovunque si voglia), nè di tempo. Basterà una connessione internet (ovviamente più larga la banda, migliori saranno le prestazioni) per essere subito al centro dell’azione.

Con questo lancio quindi, Google Stadia manda idealmente in pensione le vecchie console e dichiara guerra ai colossi del settore: Sony, Microsoft e Nintendo.

Non solo guerra alle console

Come anticipato, Google Stadia promette di dare battaglia ai colossi del settore come Sony, Microsoft e Nintendo. Ma non solo. Infatti, la guerra è dichiarata anche a piattaforme di livestreaming come Twitch, azienda di casa Amazon.

Con Stadia, si potrà in qualsiasi momento streamare la propria partita su Youtube o su altre piattaforme video, semplicemente condividendo un link. Come è facile intuire, questo darà di nuovo importanza al concetto di demo: si potranno provare i giochi in maniera istantanea, semplicemente cliccando su Play, mentre si sta guardando il gameplay su Youtube.

Infine, la diretta streaming utilizzerà la banda stessa dei data center Google e non quella della propria linea internet.

Aspetti tecnici

La GPU di Stadia, realizzata in collaborazione con AMD riuscirà ad elaborare una serie spaventosa di dati: 10.7 Theraflops. In altre parole, la potenza della piattaforma è pari a quella di PS4 Pro e Xbox One X messe insieme!

Come anticipato, si potrà giocare fino al 4K HDR con 60 fps. Tuttavia, se non si dispone di una connessione sufficientemente potente, si potrà comunque giocare semplicemente riducendo la risoluzione (al momento non stati ancora forniti dettagli riguardo la banda minima).

Controller Google Stadia

L’unico hardware presentato durante l’evento Google è il controller WiFi. Questo potrà essere collegato a diverse periferiche (PC, TV, tablet, smartphone) tramite tecnologia wireless e, dove possibile, cavo USB. Ovviamente, la periferica di input manterrà il pad costantemente collegato ai server Google, in modo da garantire la connessione continua. Naturalmente, questo dispositivo non è imprenscindibile per giocare sulla piattaforma di Google Stadia. Infatti, sarà possibile anche utilizzare lo stesso smartphone oppure controller, mouse e tastiere di terze parti.

Prezzo e data di uscita

Google Stadia verrà lanciato con tutta probabilità entro il 2019 in USA, Canada UK e gran parte dell’Europa. Anche l’Italia dovrebbe essere inclusa nella prima release della piattaforma. Per quanto riguarda il prezzo, Big G non ha ancora rivelato i dettagli, ma i rumors parlano o di un servizio a pagamento, oppure di accesso gratuito e pagamento dei singoli giochi. Sicuramente nelle prossime settimane ne sapremo di più.

DICCI COSA NE PENSI

      Lascia un commento

      Compara articoli
      • Total (0)
      Compare
      0