Amazon acquisisce la startup delle reti mesh Eero

Le intenzioni di Amazon di diventare un punto di riferimento nel mondo della smart home e dei dispositivi connessi si fa sempre più evidente. Si tratta di dispositivi in grado di diffondere la rete WiFi in ogni angolo della casa, migliorando così la copertura complessiva. Senza dubbio, siamo di fronte ad un altro passo strategico per incentivare l’utilizzo di Alexa, dei dispositivi con essa integrati e degli altri prodotti Amazon nelle nostre case.

Amazon e smart home: non solo Alexa

In realtà, l’acquisizione di Eero non è una novità assoluta. Infatti, dal lancio, nel novembre 2014, di Alexa e Amazon Echo negli USA, prodotti che hanno rivoluzionato il mondo della casa intelligente, Amazon ha messo le mani su diversi brand e startup del settore. Basti pensare a marchi come Blink o Ring. Risulta chiaro che l’azienda di Seattle, che in termini di fidelizzazione del cliente non ha rivali, ha ben chiaro il proprio obiettivo: creare un proprio ecosistema di prodotti in grado di interagire tra loro nativamente. 

Eero: esperti della tecnologia mesh

La startup, fondata nel 2014 con investimenti fino a 90 milioni di dollari, consapevole dell’importanza delle reti WiFi mesh e della necessità di una buona copertura WiFi a prescindere dal numero dei dispositivi connessi alla rete, è riuscita a conquistare, in pochissimo tempo, un’incredibile visibilità all’interno del mercato statunitense. La sua offerta si compone di soli due prodotti mesh: un hub e un satellite,  dalle prestazioni molto apprezzate.

Cosa c’è da aspettarsi?

Non è chiaro quali siano i piani di Amazon per il nuovo arrivato. Le possibilità sono due e non si escludono a vicenda. L’e-commerce potrebbe continuare a commercializzare Eero, mantenendo il nome originale, ma espandendo la categoria di prodotti, come già successo con Ring. Oppure, potrebbe pensare di integrare la tecnologia utilizzata dai prodotti Eero nei propri dispositivi Alexa, già presenti sul mercato e non. Un Amazon Echo in ogni stanza, dunque, potrebbe essere un’eventualità sempre più comune, grazie alle funzionalità mesh.

Inoltre, non ci sarebbe da stupirsi se tra le intenzioni dell’azienda ci sia quella di capire, tramite i dati della connessione internet, di più dei propri clienti e dei dispositivi di cui fanno uso in casa.

DICCI COSA NE PENSI

      Lascia un commento

      Compara articoli
      • Total (0)
      Compare
      0